La Via del Cuore

La Via del Cuore
La Via del Cuore

Il corpo è un’immagine. Né più né meno di una fotografia.

Il Sè realizza che tutto è Coscienza. Che non esiste altro che non sia Pura Consapevolezza Senziente. Che tutto è perfettamente e in modo magico, collegato. Un’Intelligenza Superiore è in ogni cosa. Non esiste nulla che non abbia un’anima. Neanche una fotografia che guardi dallo schermo del cellulare.
Occhi negli occhi. Il (mio) sguardo che entra negli occhi di un’immagine e questi prendono vita.
All’improvviso, quello sguardo che nella fotografia guarda verso l’alto, mi guarda dritto negli occhi.
Ogni manifestazione sul piano materiale contiene tutte le manifestazioni. E tutte le manifestazioni sono contenute in ogni manifestazione.
Non esiste nulla che sia oggettivo, privo di anima. Il corpo fisico è un’immagine, né più né meno di una fotografia.
In un’altra dimensione che non è di questa terra, mentre guardo quella immagine, vivo l’esperienza mistica di una totale fusione, connessione.
Realizzo che non esiste alcuna distanza. Che nulla è privo di anima. Neanche una fotografia.
Ancora occhi negli occhi e il volto inizia a trasfigurarsi in una dualità dove l’occhio sinistro assume il colore azzurro (nella manifestazione fisica è marrone), è come perso, i contorni sfocati, sbiaditi.
Ciò che arriva è un infinito senso di tristezza. Come un Cielo vasto ma offuscato.
Poi, nella dualità, l’altro occhio, l’occhio destro, prende vita con una forza pazzesca, come uscisse da quel volto, da quella fotografia. L’occhio è perfettamente definito, fisso, del suo colore marrone.
Forte. Sicuro. Stabile e fermo come la Terra. Penetra nei miei occhi e il (mio) sguardo lo porta con sé.
Seppure ci sia dualità, vedo la meraviglia di questa realtà che non appartiene al piano terreno.
Rimango in questa Bellezza.
Nuovamente all’improvviso, una fontana di luce con questa forma “)(“, dal centro del viso, perfettamente sulla linea del naso, si espande e unisce tutto. Unisce tutto dissolvendo.
Ed ecco che dal dissolvimento di tutto, iniziano a comparire un’infinità di volti, di tutte le età, origini ed espressioni.
Shakti.
Lo sfondo dietro è immobile e ha la conformazione del cervello.
Shiva.
Conosco da tempo questo viaggiare negli occhi. Attraverso una fotografia, circa due mesi fa, è avvenuto che mi sono veramente “vista” nel Sè. È stato il momento in cui mi sono incontrata “a casa”. Aldilà della forma. Puro Amore.
Con devozione a Te, che sei Shiva,

Ananda Ma (Malika)